Ho il tuo numero - Sophie Kinsella

Recensione di - 12-11-2011
Scheda libro e prezzo su:
Amazon
IBS
Ho il tuo numero - Sophie Kinsella

Sophie Kinsella non è solo “I love shopping”: lo sanno bene le sue fan più affezionate (che non sono poche neppure in Italia), e non solo loro. Oltre alle esilaranti avventure di Becky Bloomwood, la penna di Sophie ha partorito una buona galleria di personaggi non legati alla sua serie più celebre:

Ma forse Poppy Wyatt, la protagonista di "Ho il tuo numero" (Mondadori, 2011) è la meglio riuscita di tutte le protagoniste nate dalla sua fantasia, di sicuro è la più briosa, la più vulcanica, la più spumeggiante e la più frenetica.

Sarà colpa della situazione nella quale si trova? Eh sì, perché anche questa volta Sophie ha, com’è sua abitudine, preso di mira una delle tipiche manie delle donne d’oggi: e quale mania, quale dipendenza, oggigiorno, è più accentuata e diffusa di quella dal telefono cellulare?
Già, il telefonino. Una di quelle invenzioni che, solo vent’anni fa, ci sarebbero sembrate superflue. Oggi, invece, nessuno può resistere più di dieci minuti senza essere raggiungibile da tutti e senza avere a disposizione tutto il suo mondo, amicizie, contatti, messaggi, concentrato nel palmo della mano. Eppure è quello che succede a Poppy, che, durante quello che doveva essere un tranquillo tè per il suo addio al nubilato, perde non solo il suo anello di fidanzamento, un monile di famiglia, ma anche il telefonino. Presa dal panico, non crede ai suoi occhi quando trova, in un cestino della spazzatura, un cellulare ultramoderno e nuovo di zecca, insieme al badge di una bellissima ragazza. Un cellulare buttato via non è più di nessuno, pensa Poppy appropriandosene, ma si sbaglia: non le ci vuole molto a scoprire che si tratta di un cellulare aziendale, e a trovarsi invischiata nei messaggi e nelle chiamate dirette a Violet, ex assistente dell’insopportabile e affascinante Sam. Decisa a non cedere, almeno per il momento, il prezioso apparecchio, Poppy promette a Sam di inoltrargli con cura ogni messaggio a lui diretto. Non si rende conto che condividere un cellulare può essere una delle esperienze più intime che si possano avere insieme a un uomo, per di più sconosciuto...
Ma Poppy non ha tempo da perdere: deve trovare l’anello, vedersela con la nevrotica wedding planner Lucinda, con l’ostilità dei futuri suoceri, con l’invidia dell’amica Annalise. Senza contare che la condivisione del cellulare con Sam la coinvolge in una situazione intricata, svelando un complotto che potrebbe far saltare i vertici dell’azienda per la quale l’uomo lavora. E infine, c’è anche il problema che Sam sostituisce sempre più spesso Magnus, il futuro sposo, nei suoi pensieri.

Strizzando quasi l’occhio al giallo, stavolta Sophie Kinsella ci tiene veramente incollate alle pagine. Il romanzo ha un ritmo serrato, incalzante, denso di cambi di scena, sorprese e situazioni esilaranti. La protagonista, Poppy, è forte e fragile allo stesso tempo, decisa e determinata ma anche desiderosa di farsi apprezzare da tutti, a ogni costo. E’ coinvolgente il modo in cui l’interazione e il confronto fra lei e Sam riescono a farli “maturare” entrambi, creando fra di loro un legame sempre più forte. Divertente e simpatico il “filo conduttore” costituito dalle note a piè di pagina, vera mania di Poppy. Certo, il finale è francamente scontato, ma si tratta di chick lit, ed è un difetto davvero molto piccolo per quello che sicuramente è uno dei migliori romanzi della produzione di Sophie Kinsella.

© Riproduzione riservata

Confronta il prezzo su:
Amazon
IBS

lascia il tuo commento 

2 Commenti all'articolo

Altri libri e news correlati a Sophie Kinsella

I libri più cliccati oggi

Ami leggere?

Seguici, commenta le recensioni e consiglia i libri migliori da leggere

Novità libri

Scrivi una recensione

Diventa un collaboratore

Siti amici

sei uno scrittore?

Segui i nostri consigli e promuovi il tuo libro gratis con Sololibri.net

Consigli per scrittori

Ti presento i miei... libri

Uno scrittore ci racconta un libro

Seguici

Twitter Google Plus