Vita di Galileo di Bertolt Brecht

Recensione di - 03-04-2009
Acquista scontato su:
Amazon
IBS
Vita di Galileo di Bertolt Brecht

Acquista questo libro, raggiungendo i 20 euro di spesa, la consegna è gratuita

"Vita di Galileo" è l’opera di Brecht che narra la vita del grande scienziato pisano, descrivendo in particolare la sua sconvolgente critica al sistema geocentrico e la conseguente abiura.
Galileo è un personaggio dal grande spessore intellettuale, ma anche profondamente pragmatico: è un uomo di scienza che, a differenza dei suoi colleghi, tutti presi da complicate (e inutili) elucubrazioni filosofiche e abituati a considerare con sufficienza le applicazioni pratiche, decide di andare a "sporcarsi le mani" sul campo, interagendo con artigiani e commercianti, naviganti e marinai, traendo spunto per i suoi lavori.
Galileo è legato anche a necessità ben più prosaiche della scoperta scientifica, ha anche bisogno di mantenersi, per sovvenzionare le sue ricerche e per il sostentamento personale, non si fa molti scrupoli, alcune sue "invenzioni" - come nel caso del telescopio - non sono altro che semplici varianti di apparecchi già esistenti. E così continua a comportarsi di fronte al processo. Il suo contributo per la scienza l’ha già dato, sa bene che dopo di lui altri condurranno le loro rivoluzionarie ricerche in campo scientifico, fino a quando non verrà definitivamente confutato l’obsoleto sistema Aristotelico-Tolemaico.
I suoi colleghi vorrebbero da una parte che egli si immoli per la scienza, che insista nelle sue affermazioni, che gli potrebbero costare il processo per eresia, la tortura, il rogo. Ma lui non lo fa, abiura, attirandosi così contro le invettive dei suoi collaboratori, delusi da quello che trovano un comportamento pusillanime.

La fine dell’opera presenta un Galileo invecchiato, alle porte della sua vita, imbolsito, mezzo cieco e dall’aspetto dimesso.
Ma la sua indole intellettuale è ancora viva. Le sue idee si sono diffuse - abiura o meno - e presto si diffonderanno in maniera capillare per l’Europa, ancora arroccata sui dogmi dell’auctoritas ecclesiastica, ma che prima o poi crollerà sotto il torrente impetuoso di idee sovversive che si stanno formando nel mondo intellettuale.

Scritto sotto il regime nazista, quest’opera contiene una forte invettiva contro il nazismo, rappresentato dall’ottusa e opprimente supremazia della Chiesa. Galileo è il prototipo dello scienziato, intelligente, capace, intellettualmente combattivo, ma privo di idealismi sterili, pragmatico e ben consapevole della necessità di sopravvivere in un mondo chiuso e che esige risultati tangibili e quindi pagabili. Anche se il Galileo della fine della commedia è un Galileo debole e appannato rispetto a quello del processo, lo troveremo vincitore, sopravvissuto all’Inquisizione e consapevole che presto sarà la storia a dargli ragione.

© Riproduzione riservata

Confronta il prezzo su:
Amazon
IBS

lascia il tuo commento 

I libri più cliccati oggi

Ami leggere?

Seguici, commenta le recensioni e consiglia i libri migliori da leggere

Novità libri

Scrivi una recensione

Diventa un collaboratore

Siti amici

sei uno scrittore?

Segui i nostri consigli e promuovi il tuo libro gratis con Sololibri.net

Consigli per scrittori

Ti presento i miei... libri

Uno scrittore ci racconta un libro

Seguici

Twitter Google Plus